I vulcani in Costa Rica, un continuo ribollio

 

Sono numerosi i vulcani in Costa Rica, alcuni sono tutt’ora in attività, e diverse eruzioni si sono succedute negli ultimi anni.

i vulcani in costa rica : l'Arenal in eruzione
I vulcani in Costa Rica si distribuiscono in due cordigliere, quella vulcanica centrale che comprende quattro vulcani principali : il Poás, l’Irazú, il Barva e il Turrialba.
L’altra catena montagnosa è la cordigliera del Guanacaste dove si estendono una fila numerosa di coni risalenti al periodo neozoico (due milioni di anni fa). La punta più alta sono gli oltre duemila metri del Miravalles. La catena si sviluppa da nord-ovest a sud-est e comprende anche i vulcani Rincón de la Vieja e l’Arenal.

 

Vulcano Arenal

Ha l’aspetto più classico di come lo si possa immaginare. Il vulcano Arenal è alto poco più 1.600 metri e si trova sulla sponda dell’omonimo lago artificiale. Ha ripreso la sua attività nel 1968 con forti esplosioni seguite da colate di lava. E’ un vulcano tutt’ora attivo e spesso offre magnifici spettacoli con fiumi di lava incandescente e di espulsione di rocce e lapilli mentre in altri periodi riposa tranquillo. I punti di vista migliori per ammirare il vulcano al buio sono il lato ovest e quello nord. Di giorno si può ammirare spesso il pennacchio di fumo che sbuffa dalla cima. Non è possibile salire al cratere per ovvi motivi di sicurezza.

i vulcani in costa rica : l'Arenal

Vulcano Barva

Nel parco più esteso della regione centrale, il Braulio Carrillo, si erigono, da una particolare nebbiolina, due vulcani spenti. Il Cacho Negro dalla classica forma conica e il Barva (circa 2.900 metri) formato da diversi crateri. Il parco è particolarmente ricco di fauna dove si possono ammirare i bellissimi e rari Quetzal.

 

Vulcano Rincòn de la Vieja

E’ uno dei vulcani in Costa Rica più accessibili ed è immerso nella natura selvaggia. La cima più alta raggiunge i 1.916 metri e sulle pendici sgorgano acque e fanghi benèfici, bollenti, sfruttati da un impianto termale. Si trovano anche vasche naturali di acqua bollente termale. La zona è particolarmente ricca di uccelli per la felicità degli appassionati di birdwatching.

 

Vulcano Turrialba

A sud est della Costa Rica, all’interno dell’omonimo parco, si eleva il vulcano Turrialba (3.329 metri). Anzi, lo stratovulcano, ossia un vulcano con differenti tipi di eruzioni e due diversi tipi di magma. Le più imponenti eruzioni di questo vulcano si verificarono nella seconda metà dell’ottocento. Il vulcano è ancora attivo, come dimostra la recente attività dello scorso mese di ottobre (2015). E’ formato da tre crateri dove quello centrale è il più profondo ed anche il più attivo.


i vulcani in costa rica : il Turialba

i vulcani in costa rica : il Turrialba

Vulcano Poàs

Il vulcano Poás si trova poco più a nord di San José, precisamente a circa 65 chilometri. E’ alto 2.706 metri e anche lui è uno stratovulcano. Il Poás è tra i vulcani in Costa Rica uno tra i più attivi e frequenti sono le sue eruzioni, a partire dagli anni ’50. Uno dei due crateri è freddo e chiaro (eruttò circa 7.000 anni fa). Mentre l’altro è caldo e scuro con frequenti getti di tipo geyser.

i vulcani in costa rica : il Poás

Vulcano Irazù

Il vulcano Irazù si trova a circa 50 chilometri ad est di San José. Si eleva per 3.432 metri ed è il più alto tra i vulcani in Costa Rica. Anche l’Irazú è uno stratovulcano. Le sue ultime attività si sono registrate agli inizi degli anni ’60 ma sono sempre attive alcune fumarole. Le sue acque si presentano di un colore giallastro dovuto ai minerali solforosi sciolti nell’acqua.

Vulcano Miravalles

Si trova a circa 130 chilometri a nord di San Josè, in Guanacaste, un sito poco conosciuto e poco visitato. Anche se l’ultima eruzione con grossi getti di vapore si è verificata negli anni ’40 del secolo scorso, sotto la caldera c’è un’attività sismica costantemente monitorata. Ci sono varie sorgenti di acqua calda termale con getti di vapore geotermale.

 

Vulcani Tenorio-Montezuma

Il vulcano Tenorio ( mt 1.920 ) con crateri multipli ed il vulcano Montezuma dai crateri gemelli, sono entrambi considerati dormienti. Ma non estinti e non vengono riportate loro eruzioni nella recente storia. Il Parco è molto conosciuto e frequentato anche per la presenza del Rio Celeste. Il Rio Celeste deve il suo nome alle bellissime acque chiare dovute alle emanazioni sulfuree ed alle precipitazioni di carbonato di calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*